Come coinvolgere le persone

Seconda puntata della guida su come creare comunità e progetti eco-sostenibili.

Se vuoi creare un ecovillaggio, o un altro progetto, hai bisogno di trovare persone. Ma non è questo l’importante!

Infatti di solito ci si concentra sul trovare persone, sull’essere in tanti, e così si perde di vista il vero obiettivo, che è quello di creare una comunità, non di essere in tanti.

Una comunità è un insieme di persone che hanno una cultura, valori e obiettivi comuni. E come si crea?

Lascia perdere facebook, innanzitutto… 😉 Lascia perdere la visibilità, la pubblicità, e tutte queste cose poco utili (che poi verranno dopo).

Rileggi la definizione sopra. Se vuoi creare una comunità, ti serve creare una cultura, valori e obiettivi comuni.

Quindi, comincia a impegnarti nel fare cose utili alla tua comunità di riferimento.

Crea valore sociale, interessati dei problemi del territorio, parla con le persone in difficoltà, porta esperienze positive nel tuo territorio.

All’inizio ti sembrerà che le persone sono indifferenti. Ma non è così, abbi pazienza e sii costante.

A questo punto succederà qualcosa di incredibile.

Le persone cominceranno a riconoscere te e il tuo lavoro. Diventerai un piccolo faro. E’ l’impegno sincero tuo, o vostro, a creare la comunità, e a coinvolgere le persone.

Un ultimo consiglio, per questa puntata della guida. Lascia perdere qualsiasi bandiera, sarebbe una barriera che metti tra te e una parte della comunità di riferimento. Sporcheresti con un interesse di parte il tuo – o vostro – impegno sincero. Agisci per tutti, anche per chi ha idee diverse dalle tue, prenditi cura dell’intera comunità.

p.s. Quando ho dato vita al progetto dell’Ecovillaggio dei Mille le persone che si avvicinavano mi dicevano… qui siamo in pochi, ma dove sono questi mille?! Io provavo a spiegargli che l’importante non era essere in tanti, ma quanto che i promotori creassero un progetto nel quale tanti potessero riconoscersi.

Sapete qual era la loro reazione? Non mi credevano!

Ma io sono andato avanti lo stesso, perchè l’esperienza di Abitare Gea mi ha insegnato come il problema non è essere in tanti, quanto fare cose utili a tutti nelle quali tanti potessero riconoscersi.

Per approfondire

  • Rosa Parks, rifiutando di cedere il proprio post sull’autobus a un bianco, dà avvio al movimento dei diritti civili negli stati segregazionisti d’America
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...